7 cose che fanno i proprietari dei 4×4 responsabili

Ci vuole rispetto

La Sardegna è un posto davvero bellissimo. Con un 4×4 hai accesso al meglio di ciò che questa isola ha da offrire, e questo è un privilegio che dobbiamo valutare e trattare con rispetto.

Sfortunatamente, ci sono quelli che non hanno il livello di cura e rispetto per questa grande terra, che dovrebbe avere e può creare una cattiva reputazione per tutta la categoria dei Fuoristradisti. Il problema è che chi non rispetta le regole del buon senso, ha conseguenze dirette per tutti. Le strade potrebbero essere chiuse o messi divieti con tante altre restrizioni, sino ad arrivare a quello che temono tutti: non poter andare a farsi una passeggiata in piena liberta senza autorizzazione. Con questa introduzione ecco perché questo titolo:  7 cose che fanno i proprietari di 4×4 responsabili

1-Portare a casa la spazzatura per rispetto

La spazzatura sta diventando sempre più un problema nei boschi. Abbiamo alcuni dei luoghi più incontaminati e incredibili del mondo da visitare, ma quando arrivi in certi luoghi, immancabilmente c’è spazzatura disseminata un pò ovunque senza rispetto.

C’è un detto: “Non fare altro che fotografie e non lasciare altro che impronte”. Una borsa per immondizia sulla ruota di scorta del tuo 4WD è un investimento fantastico; una volta che hai finito di mangiare, getta la spazzatura nella borsa. Ci sono strutture per gettare l’immondezza, quando si attraversano i paesini. Se vedi spazzatura che stupidamente hanno lasciato altre persone nella boscaglia, fatti un favore e raccoglila. Non dovresti farlo, ma mantieni il bosco in ordine affinché tutti possano divertirsi negli anni a venire e se ci torni anche tu, potrai vantarti del tuo gesto.

foto scaricata da google

2. Attenersi alle tracce e alle strede

Una regola principale che ci siamo imposti e che bisogna seguire le strade principali e le strade che sono segnate nelle carte IGM. Queste ti aiutano a percorrere tragitti con regolarità e nella legalità. Se per caso le strade , che sono segnate nell’IGM sono chiuse dalla vegetazione, questa non può essere percorsa o pulita senza una sorta di autorizzazione della Forestale. In tutto il tempo dei 15 anni di fuoristrada, come socio di club, abbiamo sempre ottenuto delle autorizzazioni per la pulizia delle vecchie carrareccia/strade a spese nostre. L’antincendio si ritrova una nuova strada, noi la percorrevamo. Tutti contenti! Il fuoripista ,non è contemplato e ne tollerato. Ci sono tantissimi chilometri da percorrere in off road in Sardegna, dunque bisogna fare da bravi e bisogna aver rispetto.

3. Obbedire ai cartelli e ai cancelli

I cartelli e i cancelli chiusi sono messi lì per un motivo. Se c’è un segnale che dice che è proibito il transito dei veicoli, o il divieto di qualsiasi altra cosa, significa che bisogna fare retro-front e tornare indietro o non devi fare altre determinate cose per raggirare l’ostacolo. Questo è quello che dicono, STOP, senza nessuna interpretazione a riguardo! Se ci sono dei cancelli che ostacolano il proseguimento devono essere rispettati. Un cosa che ho imparata invece, e che se trovi delle reti che ostacolano il proseguimento della strada, questi stanno indicando la presenza di bestiame e dunque possono essere aperti ma subito dopo chiusi per evitare che il gregge fugga. Anche se potresti non essere d’accordo con la chiusura o le richieste dei divieti dei cartelli, sono lì per un motivo e ignorarli, dài solo un brutto esempio all’intero settore 4×4. Rispetto!

Foto scaricata da google

4. Ottieni l’autorizzazione prima di..

Non puoi accedere nella proprietà privata senza l’autorizzazione del proprietario. Se ti imbatti in un recinto o un cancello che indica che è proprietà privata, significa che non puoi entrare se non hai parlato prima con il proprietario.

Ci sono stati dei casi che dei fuoristradisti, hanno scaricato delle traccie da un sito internet o delle app, dove la traccia stessa portava dentro un campo di proprietà e addirittura coltivato. Se dovesse capitare di seguire questi siti con le loro indicazioni/traccie bisogna avere la cortezza di tornare indietro e proseguire per una strada alternativa. Ogni volta che qualcuno pratica il metodo del menefreghismo “tanto non mi vede nessuno” ci sono delle conseguenze a tutto il mondo del off road. COMPORTIAMOCI BENE. Sappiate che queste traccie, che si raccolgono sul web, non sono certificate e non si sa neanche se sono ancora percorribili . Vi consiglio di leggere un mio articolo sullo Scouting in 4×4 e quanto lavoro c’è dietro ogni traccia.

5. Corretta pressione dei pneumatici

Sgonfiare le gomme per il terreno su cui si sta guidando non è solo un bene per la trasmissione, ma aiuta a preservare le condizioni delle strade. I pneumatici più morbidi offrono maggiore trazione, galleggiamento e, in definitiva, creano meno danni alla strada. Ciò è particolarmente importante quando è bagnato che mantiene al minimo il rotolamento della ruota evitando di eseguire più solchi ancora. Se stai esercitando con le giuste pressioni dei pneumatici, il tuo veicolo percorrerà molto più facilmente i tracciati, ridurrai le possibilità di foratura, i componenti della tua 4WD saranno meno sollecitati e la tua guida sarà molto più fluida. Ma ricorda sempre di gonfiarle di nuovo prima di tornare sull’asfalto. E anche questa azione è una forma di rispetto.

foto scaricata da google

6. Evita di danneggiare le strade

Proprio come la giusta pressione dei pneumatici è una parte importante dell’essere un fuoristradista responsabile, assicurarti di guidare in modo sensato è altrettanto importante. I danni alle strade sterrate si verifica molto rapidamente quando si consente alle ruote di girare eccessivamente o si guida attraverso strade non consentite alla circolazione perché siamo in presenza di percorsi davvero impegnativi, e che non sono adatte per certi mezzi che non hanno una adeguata preparazione. Questi 4WD se non sono preparati adeguatamente possono danneggiare le strade perché hanno una diversa aderenza rispetto ai 4×4 super preparati, scavando dei solchi nella strada. Questi con il tempo e con l’erosione dell’acqua piovana generano dei veri solchi o canaloni, sino ad arrivare a rendere impraticabile la traccia.

7. La natura chiama? Il rispetto prima di tutto

Infine, il gabinetto. Quando siamo in mezzo alla campagna, alcune volte c’è il richiamo, e un mal di pancia può capitare. Ci sono piccole regole semplici da seguire, perché natura richiama natura, basta stare in questo contesto. Con se bisogna portarsi sempre della carta igenica biodegradabile ed una piccola paletta. Per fare le cose giuste basta scavare un piccolo buco con la paletta di  30 cm e dpo fatto tutto ricoprirla. Ecco fatto! Seconda cosa stare lontano dalle fonti d’acqua che potrebbero essere contaminate. Se non si hanno dei prodotti bio, basta prendere un sacchetto e portarsi a casa il tutto. SEMPLICE. Dai l’esempio di rispetto e goditi questo fantastico paese.

foto scaricata da google

Sfortunatamente, il metodo più semplice per “gestire” i problemi relativi ai 4WD è semplicemente chiudere le strade e mettere i divieti in ogni posto.  Fai la tua parte come fuoristradista e responsabilizza il prossiamo, ne godremmo tutti i benefici per gli anni a venire.

Vi ringrazio di cuore per aver dedicato del tempo al mio blog e spero che ritornerete a leggere nuovi articoli e curiosità. Se vi è piaciuto potete iscrivervi , in modo tale che per ogni nuovo articolo pubblicato il sabato, vi arriverà un’avviso tramite mail e sopratutto condividete agli amici questo post . Un saluto a tutti! Ci vediamo al prossimo articolo……

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *