Non prendete la sabbia di “Is Arutas”!

Notizie

Oggi , non parlerò di escursioni in off road per raggiungere una meta, ma scriverò di tutt’altra cosa: fatti importanti che succedono tutti i giorni. Stà iniziando la stagione estiva e quella balneare.  Ancora oggi si leggono notizie di razzia di sabbia e di conchiglie nelle nostre spiagge in Sardegna, e non solo, il tutto per arricchire qualche acquario o per un semplice ricordino.

Descrizione del sito e caratteristiche

Parliamo di una delle spiagge più rinomate :  Is Arutas.  Questa località è situata a circa 15 km dal paese di Cabras nella provincia di Oristano. Tutta le zona limitrofe fanno parte dell’area Marina Protetta, ed è l’unica spiaggia al mondo ad avere certe caratteristiche che la fanno diventare una delle mete obbligatorie di molti turisti provenienti da ogni parte del mondo.

La sabbia è costituita da granelli di quarzo bianco e corallo, e l’aggiunta di altre roccie colorate. Con la forza continua del mare , si formano queste pietroline tondeggianti , “Chicchi di Riso” che vanno a formare la spiaggia.

Lo zampino dell’uomo

L’erosione naturale del mare nella forza delle onde ha cambiato l’aspetto della spiaggia nel tempo, ma l’uomo, come in ogni parte, ci ha messo lo zampino. Dopo tante lotte e tante proteste, anni fa , il comune aveva messo dei divieti da rispettare i quali dicevano: divieto di portare via la sabbia, divieto di usare delle scarpe chiuse in spiaggia ed l’obbligo di portare un posacenere in spiaggia (questo era dato gratuitamente ad ogni bagnante da un’addetto). Oggi addirittura ci sono dei ragazzi in borghese che vigilano, per fare rispettare tutto questo.

Nonostante tutto c’è sempre l’imbecille di turno che con il fare losco, “ruba” la sabbia. Tutti si vogliono portare a casa un ricordino di questo posto. Fate un po’ voi: due pugni di sabbia per ogni persona che viene ad Is Arutas;  diciamo che ci sono migliaia di persone che affollano questa località ogni giorno per diversi periodi dell’anno;  può avere un impatto ambientale importante in questa spiaggia? Traete voi le conclusioni e con questo, non voglio più andare oltre!

Rispettiamo la natura

La sabbia non si tocca, si lascia sul posto! Bisogna rispettare qualsiasi ambiente dove si và , perché un giorno , quando tornerai a visitare la nostra fantastica Isola, troverai tutto come ricordavi. RISPETTO RISPETTO. Questo è quello che bisogna avere, in tutte le cose che facciamo.

Vi ringrazio per aver dedicato del tempo al mio blog e spero che ritornerete a leggere nuovi articoli e curiosità. Se vi è piaciuto potete iscrivervi , in modo tale che per ogni nuovo articolo pubblicato il sabato, vi arriverà un’avviso tramite mail, ma sopratutto condividete agli amici questo post . Un saluto a tutti! Ci vediamo al prossimo articolo……

Mostra i commenti

Unisciti alla discussione

13 risposte a “Non prendete la sabbia di “Is Arutas”!”

  1. Annalisa dice:

    Un posacenere? Ma in spiaggia non si dovrebbe proprio fumare!!! Odio poi chi usa come souvenir sabbia, pietre, radici di piante etc. Mi disgusta questo tipo di turismo. Spero che riusciate a portare a termine la vista battaglia!

  2. Marianna dice:

    Condivido in pieno ogni passaggio del tuo articolo! Is Arutas é meravigliosa merita di essere protetta 😊

  3. Silvia dice:

    Hai proprio ragione… A volte non ci si pensa, sembra un ricordino innocente, ma se tutti si portano a casa un po’di sabbia questa non è infinita…

  4. Julia dice:

    Sono d’accordo anche perché portarsi a casa un po’ di sabbia non serve a nulla.. Ci sta che ci siano persone in borghese che controllino 😉

  5. Ylenia dice:

    Il tuo articolo tratta un argomento molto importante, spesso (per non dire sempre) le persone sono incuranti dei loro gesti e per loro “prendere un po’ di sabbia” non è niente. Grazie per aver portato attenzione con questo articolo!

  6. Come darti torto?
    In questi giorni ho letto del divieto di prelevare sabbia e conchiglie dalle spiagge. Se è vero credo sia la scelta giusta.

  7. Valeria dice:

    Questo è lo stesso motivo per cui non hanno più reso accessibile la spiaggia rosa dell’arcipelago della Maddalena e ormai di rosa è rimasto ben poco, è davvero un peccato distruggere queste meraviglie naturali che abbiamo per portarsi a casa un poco di sabbia, non ne ho mai capito il senso.

  8. Giusto ieri stavamo organizzando il viaggio in Sardegna per Settembre e tra le mete c’è proprio questa bellissima e particolare spiaggia. E il mio migliore amico mi ha spiegato le stesse cose, che ci sono dei vigili perchè continuando a prendere, prendere e prendere non ci sarà più nulla.

  9. Silvia dice:

    Hai davvero ragione, l’uomo molte volte rovina ciò che ha creato la natura ! Ognuno nel suo piccolo può fare qualcosa per salvaguardare il pianeta.

    1. Orso dice:Autore

      Grazie. Io ci provo, ma gli ignoranti sembrano moltiplicarsi ogni anno che passa.

  10. Monica dice:

    Bravo,fai bene a ricordare quanto sia importante salvaguardare l’ecosistema.
    A volte la gente pur di portarsi a casa un souvenir è disposta a passare sopra alla propria coscienza

  11. Sabbia e terra in genere non andrebbero mai portate via dai luoghi originari. Ci sono dei paesi in cui è proprio un reato molto grave e, per me, dovrebbe essere così ovunque. Per anni ci siamo presi gioco del pianeta, non curanti del suo precario equilibrio. E anche la sabbia fa la differenza.

    1. Orso dice:Autore

      Grazie della tua considerazione. Ma purtroppo non è l’unico probblema. Andando in giro per le montagne in 4×4, ogni volta mi porto a casa sempre il sacchettino degl’altri , maleducati che gettano, attaccato alla ruota di scorta. Io nel mio piccolo ho fatto sempre questo. LA moda stà arrivando ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *