La cittadina Catalana

Preparativi per “La cittadina Catalana”

In questi giorni di Agosto abbiamo deciso di passare le giornate al mare, come giusto che sia, con dei parenti, anch’essi appassionati di 4×4. Dopo aver organizzato il tragitto e deciso la meta che ci porta in “La cittadina Catalana”, abbiamo caricato le auto, preparato tutto il necessario per passare la notte. Si parte per Potzu Idu, una località vicinissimo a Oristano. La destinazione è la spiaggia di Su Pallosu , nel comune di San Vero Milis.

Cerchiamo un posticino in Spiaggia

Una volta arrivati e trovato parcheggio, piazziamo gli ombrelloni, seggioline e asciugamani. Dopo esserci organizzati, per apprezzare il posto e per fare vedere le nostre meraviglie ai nostri ospiti, ci siamo fatti una passeggiata nei dintorni. Ho scattato delle foto alle piscine naturali in cui ci si può tuffare e divertirsi. Un consigli che mi sento di dare è: procuratevi delle scarpette per il mare, perché è tutto una roccia.

Passata tutta la giornata, è arrivata l’ora di spostarci per trovare un posticino tranquillo per passare la notte. Non lontano da lì ci sono delle calette, e per raggiungerle bisogna percorrere una strada molto sconnessa, praticabile soltanto da un mezzo 4×4.

In lontananza si vedono i serfisti che cavalcano e sfruttano le ultime onde della giornata. Arrivato il tramonto ci prepariamo per la notte: tavolino, sedie e tutto l’occorrente. Ci mettiamo a preparare la cena e con l’accompagnamento di un buon bicchiere di vino passiamo la serata davanti alla nostra lampada a gas che illumina la serata. Tra una chiacchera e l’altra si fà tardi e arriva l’ora di andare a letto nei nostri 4×4 predisposti anche per dormire in tutta comodità.

In partenza. Direzione La cittadina Catalana

Ci svegliamo all’alba e dopo fatta una bella colazione, carichiamo la macchina per la partenza. Una piccola sosta per un buon caffè al bar del paese e via, si parte: “La cittadina Catalana”. Decidiamo di fare tutta la litorale sino a destinazione, e per farlo prendiamo la SS292 tornando verso Riola Sardo. Questa ci porta ad attraversare dei paesi turistici e molto caratteristici, Santa Caterina, Torre del Pozzo, Cuglieri sino ad arrivare a Trasnuraghes. All’uscita del paese , all’incrocio si gira a sinistra per Magomadas e subito dopo nuovamente a sinistra per Bosa il paese della Malvasia. Arrivati alla cittadina di  Bosa si prende la SP49 e da lì arriviamo direttamente ad Alghero, La cittadina Catala della Sardegna, percorrendo sempre per la litorale.

Monumento naturale che si può vedere dalla strada Sa Rocca Pinta. località Villanova Monteleone nella strada Direzione Alghero
Strada litorale , direzione Alghero

Lungo la litorale Bosa – Alghero si vede questa struttura naturale “Sa Rocca Pinta” dove ci sono traccie del passaggio dell’uomo nel periodo Nuragico, che si trova nella località di Villanova Monteleone

Verso la spiaggia di Maria-Pia

Un familiare, tempo fà, ci parlò di una spiaggia bianchissima chiamata “Spiaggia di Maria Pia” che ha frequentato molti anni fa con i suoi . Ci da le indicazioni precise e per arrivarci dovremmo attraversare il paese di Alghero, e trovare una pineta lungo la strada principale. Detto questo, giunti ad Alghero, seguiamo le indicazioni e troviamo la spiaggia. Sabbia fine bianchissima come ci aveva descritto. In questa spiaggia ci sono Ginepri secolari che con il tempo, grazie al vento, si sono modellati e hanno preso forme singolari. Una volta parcheggiato l’auto prendiamo la nostra attrezzatura, sedie, ombrelloni e borsa frigo con le bevande, ci dirigiamo verso la spiaggia e ci sediamo trascorrendo la giornata a prendere il sole con l’aiuto di qualche birretta fresca.

Immagini prese da google. Purtroppo ho perso le mie foto.
Immagini prese da google. Purtroppo ho perso le mie foto.

Dopo tanto sole si è fatto tardi ed è il momento di tornare a casa. Due giornate fantastiche passate in luoghi incantevoli ed in buona compagnia. Nessuna strada sterrata, guadi o salite in 4×4, ma tanta natura. Che dire , i parenti toscani si saranno divertiti? Io dico proprio di si. Spero che l’articolo vi sia piaciuto e che i particolari che vi ho descritto vi siano utili per passare un fine settimana come il nostro in relax, nella nostra fantastica isola, la SARDEGNA.

Descrizione del sito

Sa Rocca Pinta
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_20180626_123029-1024x768.jpg
Verso Direzione Alghero

Il nome “Sa Rocca Pinta” che si trova nella località di Villanova Monteleone , significa in italiano “La roccia dipinta”. Lungo la litorale Bosa Direzione Alghero La cittadina Catalana, si vede questa struttura naturale dove ci sono traccie del passaggio dell’uomo nel periodo Nuragico. Tutte le strade panoramiche sarde passano in paesaggi mozzafiato, aspri selvaggi e tante volte, guardando a destra e a sinistra , sfuggono alla vista delle opere d’arti del genere: Sa Rocca Pinta. In alcuni periodi dell’anno organizzano delle escursioni in Trekking, che portano a vedere il sito, e le partenze sono dal paese di Villa Monte Leone. Al km 16 della SP, Bosa Algero , se si dà uno sguardo a destra, si può notare questa roccia che sembra che stia cadendo, circondata dalla vegetazione tipica della zona, la macchia meditterranea.

Se volete darmi una mano a gestire il crescente costo del server che ospita il sito, per renderlo sempre più veloce, performante e aggiornato,  potreste valutare di farmi una piccola donazione in maniera del tutto sicura sul mio Paypal. Vi ringrazio in anticipo:

Vi ringrazio per aver dedicato del tempo al mio blog e spero che ritornerete a leggere nuovi articoli e curiosità. Se vi è piaciuto potete iscrivervi , in modo tale che per ogni nuovo articolo pubblicato il sabato, vi arriverà un’avviso tramite mail e sopratutto condividete agli amici questo post . Un saluto a tutti! Ci vediamo al prossimo articolo……

COLLABORAZIONI

26 thoughts on “La cittadina Catalana

  1. che meraviglia! Incredibili le rocce scavate dal vento e il colore del mare. Dormire in un accampamento sulla spiaggia con il fuoco è il mio sogno. Se penso che ho fatto 12 ore di volo per vedere un mare che non si avvicinava nemmeno a quello che hai mostrato tu in questo post, mi viene da ridere. abbiamo le bellezze sotto casa e andiamo lontano. siamo incredibili!

    1. Grazie Francesca per il commento. Le spiaggie della Sardegna sono considerate le più belle del mondo. Non lo dico io ma i turisti e lo conferma ,con i fatti di apprezzamento, un’amico che per lavoro viaggiava nel mondo, per ben 30 anni. Cosa ha fatto? Ha comprato casa vicino al mare del Sinis di Oristano.

  2. Ma questo spettacolo chiamato Spiaggia di Maria Pia??!! Incredibile,difficile distogliere gli occhi da questa fotografia.
    Sarà gremita in estate?

    1. Infatti. in estate è veramente piena di gente. Sono andato quest’inverno e devo dire che sembrava di essere in paradiso.

  3. Beh… che meraviglia di foto e di luoghi! Il mare sembra una piscina.. che bello che girate a trovare questi angoli … grazie della condivisione!

  4. La zona di Alghero é assolutamente meravigliosa! Ho avuto anch’io la fortuna di dormire come te vicino alla spiaggia ed è stata un’esperienza incredibile 😍

    1. Abbiamo ancora la libertà di fare queste cose in tutta sicurezza, ma sempre con criterio e civiltà e sopratutto in certi periodi dell’anno. Grazie del commento.

  5. Bellissimi questi colori azzurri del mare e la sabbia chiarissima che fa contrasto, chissà che profumo i ginepri. È davvero meravigliosa la Sardegna

    1. Si hai proprio ragione. Si spendono tanti soldi per andare a trovare certi paradisi , quando noi italiani li abbiamo affianco a casa. Tutta l’Italia è bella! Grazie del commento.

  6. Mi hai fatto ricordare la nostra vacanza on the road / mare in Corsica. Ogni giorno macchina e via verso una spiaggia diversa. parcheggiato e via, mettere ombrellone salviette e gonfiare materassino ! Bei ricordi !

    1. Nonostante la Corsica è vicina, non sono ancora andato a vederla per passare qualche giorno in modalità off road. Molto bella, mi hanno detto! Per adesso mi concentro nella mia Regione e se per caso volete passare dei giorni in Sardegna con il Fuoristrada, fatemi un fischio! Grazie per il commento

  7. Io mi vergogno a dire che ho girato mezzo mondo, ma non sono mai stata in Sardegna. Eppure dalle foto, sembra un luogo selvaggio e d’avventura, come quelli che piacciono a me.

    1. Procurati un fuoristrada che vi organizzo qualcosa. Scommetto che vi verrà voglia di trasferirvi quì. Questo “sbaglio” lo hanno fatto alcuni dei miei amici. Hanno trasloccato in Sardegna e possono dire a gran voce: “sono rinati”! Grazie del commento

  8. Più leggo le vostre avventure, più non vedo l’ora sia settembre per esplorare la vostra bellissima terra! Sono tutte spiagge meravigliose e dovrebbero essere poco distanti da dove alloggeremo.

  9. Utilissime informazioni in questo tuo articolo, in Sardegna sono stata solo nella parte a sud-ovest, in provincia di Carbonia Iglesias, quindi la zona di Alghero non la conosco. Sicuramente terrò utile il tuo articolo nel caso in cui ci andrò!

  10. Prediligo la roccia alla spiaggia (quest’ultima mi piace solo quando è deserta ma è difficile trovarne, almeno da me) e ho fantasticato di essere proprio lì e meditare davanti quel mare.

    1. Si riescono a trovare ancora dei posti isolati. Però nel periodi , da metà luglio sino a metà agosto, non garantisco nulla. Sarà un piacere informarti delle località ed il periodo giusto. Grazie per il commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: