La nuova Lada Niva Travel

La storia continua

Nella fabbrica  della città russa, Togliatti, presso il fiume Volga, hanno avviato la produzione della nuova Lada Niva Travel, un nuovo progetto ed un nuovo punto per la Avtovaz. La Suv sostituisce infatti la storica della vecchia e robusta Niva, prodotta in tantissimi modelli e versioni dal 1977 a oggi. Secondo i dati recenti della casa, ne circolano ancora moltissimi esemplari , più di 600 mila nel mondo.

Un cenno di storia

La GM con Chevrolette acquisì la Avtovaz nel 98′ , fabbricando la base della nuova lada niva che è stata presentata in questo periodo. Il suv Americo-Sovietico fu prodotto e venduto sempre in questi paesi europei vicino alla Unione Sovietica. Dopo ulteriori accordi la fabbrica russa ritornò in patria e fu nuovamente acquisita sino ad arrivare ai giorni d’oggi, presentando la rinnovata e nuova Lada Niva Travel.

Il nuovo progetto

Su base e telaio della Lada Chevrolet del 1998 la Lada Niva Travel, abbandona le forme della tre porte originale e si avvicina a quelle della sport utility del momento. L’auto è dotata di: parafanghi sagomati, gruppi ottici a Led (segui il Link) e una griglia anteriore di grandi dimensioni.

Il disegno delle portiere conferma, però, che non si tratta di un progetto totalmente inedito, ma di una rivisitazione della Chevrolette Niva del 1998, progetto che la Avtovaz ha rilevato dalla GM ed ha successivamente evoluto e aggiornato.

Per ampliare ulteriormente l’offerta, la Lada ha inoltre previsto un specifico allestimento Off-road, che include lo snorkel, i pneumatici da fuoristrada e il kit estetico con protezioni aggiuntive per la carrozzeria.

foto presa da google

Interni

Gli interni della nuova Lada Niva Travel non rispecchiano assolutamente il vecchio modello con la sua spartanità. Il cruscotto è in stile 2000 , con un allestimento di base nel complesso. Uno schermo digitale tipo toush screen, tutte le conosciute comodità e accessori che oromai hanno tutte le auto di base, camera posteriore per la restromarcia, comodi sedili anatomici.

Motorizzazioni

Le informazioni relative alle motorizzazioni non sono ancora disponibili, per certo: si suppone che i motori saranno l’evoluzione del vecchio propulsore FIAT 1,690 cc benzina da 80 cv . Sappiamo che in passato il marchio, ha avuto una collaborazione con il marchio Renault per quanto riguarda le motorizzazioni diesel e si presume che anche questi nuovi suv avranno tali motori. Oltre questo, se vorranno sbarcare nel mercato europeo, penso che si dovranno spingere a motorizzazioni ibride, data la moda del momento.

Trasmissione e ponti

Equipaggiata con 4 freni a disco, trazione integrale permanente con blocco meccanico del differenziale centrale, il tutto abbinato ad una trasmissione manuale dotata di marce ridotte. Ponte rigido posteriore e a braccetti anteriore, rispettando lo stile della vecchia lada per la questione della trasmissione. Per quanto riguarda blocchi e trazione a controllo elettronico, non se ne parla, ma sicuramente fra un poco di tempo si avranno altre notizie su questa icona russa.

Vi ringrazio per aver dedicato del tempo al mio blog e spero che ritornerete a leggere nuovi articoli e curiosità. Se vi è piaciuto potete iscrivervi , in modo tale che per ogni nuovo articolo pubblicato il sabato, vi arriverà un’avviso tramite mail e sopratutto condividete agli amici questo post . Un saluto a tutti! Ci vediamo al prossimo articolo……

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Logo_Destinazione_Blogger.png
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Logo_La_Saletta_da_Mario-1024x640.jpg
Circolo Ricreativo da Mario Palmas Arborea-Oristano

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *