Gita in 4×4

Direzione Monte Arci

Buona sera a tutti! Come di consueto, la Domenica scorsa, abbiamo deciso di fare una bella passeggiata a Monte Arci in 4×4, la montagna vicino il mio paese. Questa è una meta molto caratteristica , perchè contiene al suo interno molti luoghi interessanti da visitare. Peccato che è poco conosciuto. Non importa, ci penso io! Vi farò conoscere una parte di questo fantastico monte.

Salito a bordo, io e Sere, ci dirigiamo al bar per un buon caffè, e poi via, direzione Tiria, una frazione del mio paese. Decidiamo di salire per il versante est della montagna per poi dirigerci in una delle località più conosciute della zona: “Acqua Frida“. Il nome è tutto un programma. Oltre a questo, è un’altra occasione per verificare alcune traccie, perchè è stato un periodo molto piovoso e le strade si potrebbero essere erose dalle pioggie torrenziali. Controlliamo in modalità Scouting

Percorriamo strade accidentate!

Per risalire, decidiamo di prendere una carrareccia poco battuta dai fuoristrada, ma anche divertente, dato che la larghezza della strada è un pochino ridotta e abbastanza accidentata. Anche oggi siamo soli, ma dato che siamo vicino a casa mi permetto di fare strade un pò più divertenti e particolari. Nel raggiungere la destinazione, lungo la strada, vediamo alberi di fichi che sono cresciuti a dismisura e senza la cura dell’uomo, si vede tutta la sua maestosità, il suo voler crescere, occupando decine di mq di terreno. La strada è abbastanza accidentata, l’acqua ha fatto il suo volere, scavando dei solchi in mezzo alla carreggiata. Con un pò di pazienza e un pò di manovalanza fatta da me, abbiamo spostato un pò di pietre dal mezzo della strada, per poi arrivare al tratto di strada meno impegnativo.

Arriviamo al bel-vedere. Da lì si può vedere una parte del campidano e la maggior parte della costa del Sinis. Fantastico

Proseguiamo per l’itinerario.

Dopo un pò di foto e qualche considerazione di come potrebbero essere le foto di notte, ripartiamo per la nostra prima meta decisa in mattinata. Pochi minuti e ci arriviamo. Parcheggiamo e proseguiamo a piedi. Arrivati alla destinazione di “Acqua Frida”. Prendiamo le nostre bottiglie e le riempiamo di acqua. Questa fonte è famosa per la sua limpidezza e freschezza, infatti dopo il primo sorso, sento l’acqua molto fredda e faccio fatica a inghiottire , da quanto era fredda. Ma in compenso ha una leggerezza che poche acque hanno a confronto.

Torniamo al nostro fuoristrada e decidiamo di andare in un pinettina che c’è ad alcuni chilometri dalla fonte, per farci un pannio perchè ora di pranzo. Arriviano sul posto e ci accampiamo con tutte le nostre comodità.

Secondo punto d’interesse

Da quì ci spostiamo e ci dirigiamo nel versante del comune di VillaVerde, direzione: comune di Villaurbana. Proseguiamo per sterratoni e piccole varianti che possono considerarsi impegnative, attraversando boschi di quercie e piante di Quercia secolari, ma oltre questo in mezzo al bosco notiamo una pietra molto grande con delle caratteristiche curiose: piena di buchi. Non saprei proprio il motivo di questa stranezza, ma è affascinante.

Colonne di pietra

Si prosegue in direzione del paese ed arrivati all’ultima destinazione, ci fermiamo in questa località: Sa Mitza Su Cardu. Da qui continuamo a piedi per dirigerci in un sito Geologico, molto raro in Sardegna. Seguiamo il sentiero ed a un tratto ci si presenta questa meraviglia. Il sito si chiama “Is Aruttas Santas” E’ una conformazione di Basalti colonnari formatasi da vulcani antichi ormai spenti da millenni. UNO SPETTACOLO! Le colonne di pietra, hanno preso la forma di un’ottago e di un esagono, particolari che fanno rimanere di stucco.

Ormai la giornata è conclusa, ritorniamo alla macchina e prendiamo la strada di ritorno, però passando dall’asfalto perchè ormai stanchi dall’off road e dal trekking che abbiamo fatto in tutta la giornata. Una giornata trascorsa in mezzo a delle meraviglie della natura. Che cosa voler di più?

Quì sotto il link PayPal con cui potete donarci una “pizza” per aiutarci a mantenere vivo questo Blog. Vi ringrazio in anticipo:

Un altro ringraziamento per aver dedicato del tempo al mio blog e spero che ritornerete a leggere nuovi articoli e curiosità. Se vi è piaciuto potete iscrivervi , in modo tale che per ogni nuovo articolo pubblicato, vi arriverà un’avviso tramite mail e sopratutto condividete agli amici questo post . Un saluto a tutti! Ci vediamo all prossima pubblicazione……

COLLABORAZIONI

14 thoughts on “Gita in 4×4

    1. Grazie Veronica. Ci sono molte strade per arrivare alla cima. Ne vale sempre la pena di arrivare in cima e vedere il paesaggio? Si te lo confermo.

  1. Come sempre vai in posti mervaigliosi! Certo che a guardare la strada che hai fatto … quella un pò difficile… mi è venuta ansia!
    Mamma mia…

    1. Ti assicuro che ce ne sono anche peggiori. Ma se sono in modalità “rilassamento” si possono scegliere anche percorsi di facile percorrenza.

  2. Che bello questo giro. Sarà che io adoro il 4×4 e l’off road è entusiasmante. questo poi deve essere stato davvero incredibile. non so se verrò mai da quelle parti,ma me lo segno nel caso venissi. Se vi piace il 4×4 allora dovete venire in Western Australia, vi divertirete da pazzi

  3. Siamo stati una sola volta in Sardegna e non possiamo di certo dire di conoscerla. Tuttavia siamo sicuri che non è solo mare e spiagge come la si conosce normalmente. Nel nostro piccolo, quindi, siamo andati anche a caccia d’altro (in particolar modo di archeologia). Tu ci fai vivere un lato più avventuroso che ci aiuta a conoscere meglio questa splendida regione.

    1. Ciao Adriana. Il mio scopo è proprio questo. La Sardegna non è solo mare e località note che non rappresentano assolutamente nulla della nostra isola, ma tanto altro.

  4. Bellissime queste colonne di pietra . Sono affascinata da tutte queste formazioni vulcaniche e anche da questa fonte di acqua ghiacciata. Con queste temperature credo sia davvero una benedizione. Fate sempre dei tour molto interessanti e mi fate scoprire una delle regioni che non ho mai avuto modo di visitare!

    1. Peccato Annalisa. Attenzione che quando verrai a visitarla, questa isola ti catturerà il cuore…..A me ha fatto questo. Invece del mal d’Africa qui prendi il Mal di Sardegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: