I migliori 4×4 di tutti i tempi (parte prima)

I primi 5 migliori 4×4

Alcuni 4×4 hanno avuto un impatto maggiore sul mondo rispetto ad altri, ma quali hanno fatto la differenza più grande?  Chiedi ad appassionati di quattro ruote motrici qual è il miglior 4×4 mai realizzato e probabilmente otterrai differenze di opinione. Con questa domanda si può ottenere una discussione che può tirare sino alle ore piccole, con amici e conoscenti esperti di 4×4, sopratutto se davanti ad una tavola con cibo e birra! Ho ottenuto così I migliori 4×4 di tutti i tempi e più significativi

1 – Seconda Guerra Mondiale US Army Jeep

La jeep, la prima dei I migliori 4×4

La Jeep della Seconda Guerra Mondiale dell’esercito americano è più comunemente conosciuta come Willys-Overland MB o Ford GP, dopo le due società che hanno prodotto la maggior parte delle jeep durante la guerra, anche se il suo design deve molto più all’esercito di qualsiasi singola casa costruttrice automobilistica. E tra le diverse case coinvolte nella sua progettazione, la società Bantam merita la maggior parte del merito.

All’inizio del suo design e sviluppo non era nemmeno chiamato Jeep, quel nome è nato dopo. Ancora oggi, continuano gli argomenti su dove ha origine il nome. Il nome Jeep non fu registrato ufficialmente fino al 1950 quando Willys-Overland lo rivendicò sulla base del fatto che durante la guerra aveva prodotto più jeep di chiunque altro.

La storia della Jeep inizia nel 1938 quando gli Stati Uniti stavano cercando di modernizzare i propri mezzi militari. Il governo aveva lanciato centinaia di gare d’appalto per la realizzazione di veicoli e attrezzature militari, uno dei quali è destinato a un veicolo da ricognizione di comando. L’esercito ha stabilito linee guida molto rigide su peso, dimensioni, potenza del motore affidabilità e prestazioni. Doveva anche avere una trazione integrale.

Le richieste dell’Esercito furono così difficili che i prototipi originali montati da Bantam e Willys-Overland, e in seguito da Ford, furono respinti. Altri prototipi (segui il LINK) andavano e venivano lamentandosi del fatto che l’esercito condivideva segretamente progetti tra gli offerenti e, dopo una serie di riprogettazioni, quella che poteva essere adatta alle esigenze fu un fuoristrada costruito nella metà del 1941. Al centro del progetto c’erano un telaio separato e ponti fissi a balestra. Questo è diventato il progetto definitivo del 4×4 e la produzione durò per molti anni.

Durante la guerra, le jeep venivano utilizzate come veicoli da ricognizione ma facevano tanto altro: trasporto materiali, truppe trasporto artiglierie , feriti e tanto altro. Sono stati usati anche come veicoli di rifornimento, supporti per mitragliatrici. Agganciati e dotati di ruote d’acciaio, trascinavano materiale rotabile ferroviario quando non c’era una locomotiva per fare il lavoro. Ma più di ogni altra cosa, la Jeep, era assolutamente “incredibile fuoristrada”.

La versatilità in tempo di guerra della jeep ha assicurato il suo successo civile negli Stati Uniti del dopoguerra con il ritorno dei soldati statunitensi che cantavano le sue doti. 

2 – Toyota Land Cruiser J40

Il Land Cruiser serie J40 ha gettato solide basi per il successo 4×4 della toyota. 

È interessante notare che c’è una bella influenza di “Jeep”, nella nascita del Land Cruiser . Non che il J40 fosse stato il primo Land Cruiser.

Il viaggio nel tempo risale al 1950, appena cinque anni dopo la fine della guerra, il Giappone era effettivamente sotto l’occupazione militare degli Stati Uniti mentre gli americani cercavano di rimodellare il tessuto commerciale e sociale del Giappone e sciogliere i suoi militari. Le nuove attrezzatureche il Giappone fu autorizzato a procurare per la sua forza di autodifesa erano di origini americane.

Tutto è cambiato quando la guerra nella vicina di Corea è divampata nel 1950 e la produzione militare statunitense è stata sottoposta a una nuova pressione. Di conseguenza, gli americani hanno chiesto alle case automobilistiche giapponesi di progettare dei 4×4 leggeri (così come altri veicoli) che potevano essere prodotti in numero significativo.

Per farla breve, il primo sforzo della Toyota assomigliava molto a una jeep militare americana. Aveva ponti fissi e sospensioni (segui il LINK) a balestra. È stato designato il BJ, dove B si riferiva al motore a sei cilindri e J si riferiva a Jeep. Il nuovo veicolo inizialmente fu chiamato Toyota Jeep fino a quando Willys-Overland non dichiarò la violazione del marchio.

Nel 1955 la BJ divenne la Serie 20 quando fu rinnovata per l’esportazione sebbene le vendite fossero limitate a causa in parte dell’affidabilità che non aveva.

Ma la Toyota imparò rapidamente dai suoi errori e lanciò la Serie o la Bj40 nel 1960. In una forma o nell’altra, la 40 rimase in produzione fino al 1984. Introdusse le qualità che avrebbero reso Land Cruiser la forza dominante che è oggi. Oltre al grande salto nella qualità costruttiva, la Serie Bj40 ha introdotto funzionalità di comfort (segui il LINK) e praticità raramente viste in un 4×4 di quel tempo, mentre i cambiamenti nei processi di produzione hanno permesso di produrre un veicolo di qualità, più rapidamente e con costi inferiori.

La Serie Bj40 è stata prodotta in una gamma di modelli a passo corto, medio e lungo; come un hard-top a due porte e con motori a benzina o diesel. Il successo della Bj40 si è riflettuto in tutto il mondo, tanto che oggi giorno, appassionati e costruttori cercano ancora questo fantastico modello. Oltre questo on line si possono vedere dei modelli ristrutturati e aggiornati con tecnologia dei nostri giorni.

3 – Land Rover il primo ed efficiente 4×4

La Land Rover: il suo ruolo nelle spedizioni ha aiutato ad aprire le porte a un pianeta sconosciuto, come nessun altro veicolo.

Land Rover Series 1

La Land Rover rafforza il significato della Jeep dell’esercito, perché proprio come la Toyota Serie Bj40 ha un posto significativo nella sua storia.

Una jeep della Seconda Guerra Mondiale, posseduta e utilizzata dal capo tecnico di Rover Maurice Wilks nella sua proprietà rurale in Galles, nel Regno Unito, fu l’ispirazione del 1947 dietro l’originale Land Rover.

A quel tempo, Rover non aveva molto bisogno di un nuovo modello per stimolare le vendite, data la domanda limitata per i suoi saloni di lusso in un depresso mercato post-bellico. Wilks, Jeep, stava dimostrando la cosa giusta nella sua fattoria e si chiedeva se un veicolo così versatile, semplice e robusto, poteva essere rivolto agli agricoltori/allevatori, anziché ai militari, per aiutare la malata Rover sulla via della ripresa?

In pochi mesi, anche prima che il primo prototipo fosse costruito (su un telaio Jeep), l’idea prese il via libera dalla direzione di Rover. Dato che è stato visto come un modello di ripiego, la priorità era quella di produrre la Land Rover nel modo più rapido ed economico possibile. Ciò significava l’uso di pannelli a corpo piatto realizzati in lega di alluminio (segui il LINK) reciclati dai velivoli da guerra, poiché l’acciaio scarseggiava. Significava anche un uso minimo di utensili .

Lavorando a un ritmo incredibile, il team di Wilks aveva la Land Rover pronta per il suo debutto pubblico al Motor Show di Amsterdam nell’aprile 1948. Wilks ha mantenuto semplice e utile con livelli di comfort ingegneristici e accessori minimi e semplici. Ha funzionato e reso popolare l’idea che avere una trazione integrale avesse un senso. ”

Ma il successo della Land Rover non era dovuto solo alle caratteristiche del veicolo. L’ampia influenza della Gran Bretagna attraverso il Commonwealth e l’ex impero significava un accesso immediato ai mercati di esportazione in Africa, Medio Oriente, Sud-Est asiatico e Australia; tutte regioni in cui un 4×4 semplice e robusto era più che utile.

Mentre la Land Rover era inizialmente rivolta al mondo della campagnia, come spiega Dean Mellor: “Ben presto ottenne il favore di una nuova generazione di fuoristrada che “usarono il veicolo per esplorare il mondo e, nel frattempo, aprirono vaste aree per civiltà.” Nel corso degli anni la Serie I si è evoluta in Serie II, Serie IIA e Serie III che sono durate fino al 1985, ma pur mantenendo gli attributi chiave dell’originale del 1948, tra cui assali fissi su balestra, proprio come la Jeep della Seconda Guerra Mondiale.

4 – Range Rover (1970):  

Con sospensioni a molle, la prima Range Rover ha portato il comfort e la tecnologia nel mondo, diventando un eccellente 4×4.

alt

L’originale Range Rover (segui il LINK) del 1970 nasce da un’idea di Charles Spencer King, all’epoca il capo dei nuovi progetti di veicoli di Rover, e fu semplicemente concepita come un 4×4 con dei confort per i passeggeri, piuttosto che un 4×4 da lavoro come il Land Rover.

Nonostante il suo successo finale, non tutti alla Rover erano convinti che Spen King fosse sulla buona strada in quel momento. E’arrivato ad un design 4×4 totalmente diversa senza prendere spunto da nessun altro fuoristrada. L’idea, il progetto e i disegni sono arrivati dopo che Spen guidò una Land in un campo e gli venne la brillante idea di unire un’auto con un 4×4. Ecco da dove è nato il Range Rover. Forse la prima auto a trazione integrale che si affaccia per i miglior confort dei I migliori 4×4.

Anche il capo ingegnere di Land Rover dell’epoca, Tom Barton, non era convinto del concetto, in particolare del cambiamento radicale da balestre a molle per gli assali fissi della Range Rover. Il reparto vendite di Rover pensava anche che l’idea di Range Rover fosse un’idea “stupida”. Al lancio della Range Rover di seconda generazione nel 1994, Spen King ha ricordato l’originale: “L’abbiamo fatto da soli. Non è stato il management a dire “fai questo”; l’abbiamo fatto da soli perché pensavamo che fosse una cosa utile.

5 – Toyota Hilux:  scelta dei lavoratori

Da umili origini, la Toyota Hilux è diventata un superbo 4×4 con un fascino universale. Forse considerata la migliore dei I migliori 4×4.

alt Foto Google un super 4×4

La HiLux pick-up (segui il LINK) non era davvero nulla di straordinario, era un veicolo piuttosto semplice, ma con il passare degli anni divenne disponibile in una varietà di stili di carrozzeria tra cui cabina singola, extra e doppia, pick-up e ciò lo ha reso attraente per un vasto pubblico “.

Il primo HiLux è apparso nel 1968 solo come 4×2. Era leggermente più piccolo del leggero e sicuramente con questa configuarazione non sarebbe, logicamente, rientrato nella classifica dei I 10 migliori 4×4 di sempre. L’HiLux di seconda generazione arrivò nel 1972, ma fu di nuovo solo 4×2. Gli acquirenti avrebbero dovuto aspettare un anno dopo, per l’arrivo della terza generazione nel 1978 , il primo HiLux 4×4. A differenza dei modelli 4×2, presentava assali e molle a balestra su entrambe i ponti. All’epoca era disponibile solo come cabina singola e a due posti, mentre i modelli a 4/5 posti non furono costruiti fino al 1982.

L’HiLux non fu il primo veicolo a doppia cabina, poiché la Toyota aveva una versione, nel 1960 e ce n’erano altre prima. Tuttavia, non c’è dubbio che la doppia cabina HiLux 4×4 del 1982 fu il veicolo che iniziò la relazione amorosa del mondo con gli appassionati di veicoli 4×4.

alt i migliori 4×4

La HiLux offre buoni livelli di funzionalità, guida e prestazioni; il tutto supportato dall’affidabilità Toyota e dalla vasta rete di servizi. Potrebbero esserci molti concorrenti nei settori dei pik-up, ma l’HiLux è stato ed è ancora la regina! Questi sono i primi 5 modelli dei I migliori 4×4 (parte Prima) sceli dai nostri appassionati di Off road.

Gli altri modelli li pubblicherò al prossimo articolo, questo per non renderlo troppo lunga la lettura. TO BE CONTINUE…….

Vi ringrazio per aver dedicato del tempo al mio blog ed a un nuovo artico, in due parti che parla dei migliori 4×4 e spero che ritornerete a leggere nuovi articoli e curiosità. Se vi è piaciuto potete iscrivervi , in modo tale che per ogni nuovo articolo pubblicato il sabato, vi arriverà un’avviso tramite mail e sopratutto condividete agli amici questo post . Un saluto a tutti! Ci vediamo al prossimo articolo……

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Logo_Destinazione_Blogger.png

Immagine

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Logo_La_Saletta_da_Mario-1024x640.jpg

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *