IMPIANTO DOPPIA BATTERIA

IMPIANTO DOPPIA BATTERIA

Buon giorno gente. Oggi mostrerò come ho fatto l’impianto a doppia batteria al mio fuoristrada , Un L. R. Discovery 300. Ho seguito i consigli di un’amico che ha passato una vita con i camion, e per questo mi sono sentito di adoperare uno schema semplice ma efficace, senza troppi fronzoli.

Descrizione parte1

Per prima cosa, sfruttando lo spazio vuoto, ho posizionato la batteria secondaria di fronte al filtro dell’aria. Preso tutto l’occorrente in un negozio di materiale elettrico, ho cominciato a lavorare. Con misure giuste ho tagliato circa 2,5 mt di cavo rosso (+) e collegato i rispettivi poli (+) di entrambe le batterie. Per la massa ( – ) ho preparato uno spezzone di cavo nero , circa 30 cm con morsetto e capicorda nuovo, ed usufruendo di fori già esistenti nella carrozzeria con un bullone ed un dado ho collegato la massa (Negativo).

Descrizione parte2

In seguito viene interrotto il cavo (+) nelle vicinanze della batteria secondaria, per inserire uno Stacca-batteria da 100 A Tutto questo questo per rendere indipendenti le fonti di energia, e in occorrenza, ricaricarla dall’alternatore.

Il cavo principale Rosso (+) che va diritto verso il motore, insieme a quello rosso che va alla scatola dei fusibili, viene tutto dirottato ad un secondo stacca batteria nautico da 250 A, posizionato dalla parte opposta del vano motore. Questo, serve per interrompere la corrente di tutta l’auto in caso di spiacevoli inconvenienti.

Preparo un nuovo cavo rosso (+) di circa 50 cm con un’altr morsetto da batteria ed un capicorda nell’altro estremo e questo va a collegare la fonte di energia primaria con lo Stacca Batteria da 250 A.

Durante tutto questo lavoro ho aggiunto un’altro cavo rosso (+) da circa 80 cm che va dalla batteria primaria ad un’altro Stacca Batteria da 100 A , per far funzionare il verricello.

Utilizzo batteria di servizi

L’impianto a doppia batteria serve per alimentari le utenze di supporto tipo: frigorifero, luci secondarie, compressore autoclave per l’acqua e tante altre cose che si possono usufruire durante le soste, in modo tale da non utilizzare la batteria primaria. Poi la mattina, prima di riprendere la marcia, con lo stacca-batteria colleghi il tutto e l’alternatore, ricarica il suo fabbisogno.

Materiale e accessori utilizzati

– Batteria

– Cinghia a Cricchetto per ancorare la batteria

– Morsetti da batteria n° 3

– Capicorda per cavi batteria

– Guaina termo-restringente colore rosso

– Stacca-Batteria da 100A n° 2

– Stacca-batteria Nautico da 250A

– 4 mt di cavo batteria colore rosso

– 1 mt di cavo batteria colore nero

– Capicorda per fili elettrici maschi e femmina

– fascette di plastica per fermare il tutto e fare un lavoro ordinato

– Rivetti

Accessori utilizzati:

– Tronchese

– Forbici

– Morsa e Pappagallo per chiudere i capicorda dei cavi

– Nastro isolante Nero e Rosso

– Piastrine per ancorare lo Stacca-Batteria da 250A

-Rivettatrice

-Trapano/avvitatore

FOTO

Progettino che ho disegnato per realizzare il mio impianto elettrico
Immagine con le indicazioni e i componenti che ho utilizzato

Immagine con le indicazioni e i componenti che ho utilizzato

Immagine con le indicazioni e i componenti che ho utilizzato
Posizionamento della batteria ausiliaria fronte scatola filtro aria

Spero che serva a qualcuno che vuole cimentarsi in questi lavoretti di fai da te. Credo che sia una cosa utile scambiarsi le idee per realizzare qualcosa con le proprie mani.

https://www.youtube.com/channel/UCGAjK-B6avmpNUvCee0um3A

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *