Punture di Insetti

Il bello e il brutto della campagna

Buona Sera a tutti. Oggi parliamo dei fastidiosi ed in alcuni casi pericolosi insetti che possono rovinare un escursione in 4×4 in giro per la Sardegna in un fine settimana. Di cosa stò parlando? Delle fastidiose Zanzare, Ragnetti e delle pericolosissime Zecche. Come diffenderci da tutto questo, seguitemi che vi spiegherò alcuni semplici metodi , naturali e no per trascorrere un fine settimana sotto le stelle in mezzo alla natura.

Zanzare

Parliamo delle zanzare. Questi piccoli insetti “malefici e disturbatori del sonno” possono esere combattuti in alcuni modi. Prima cosa: stare lontano da zone molto umide o da luoghi dove c’è ristagno di acqua. Lì sicuramente la zanzara c’è! Secondo: una piccola zanzariera , autocostruita in fai da te , che s’incastra nel telaio dello sportello , come in foto, in modo tale che passi l’aria e che ci sia un riciclo continuo, nell’abitacolo durante il pernotto dentro l’auto nella notte. Una zanzariera per il portellone, perchè questo rimane aperto, dato il necessario uso dei servizi di cui ho accessoriato l’auto (Leggi _ Camperizzazione del mio 4×4:parte 1 e Camperizzazione del mio 4×4: parte 2). Terzo : usufruisco del vecchio zampirone, posizionato nei punti cardini dove pernottiamo. Quarto: una luce esca posizionata un pò lontanino dalla tenda o dall’auto che deve rimane accesa per tutta la notte in modo tale che questi “fastidiosi insetti” vengano attratti da questa. Quinto : c’è il classico repellente spry che si comprano ormai in buona parte dei supermercati. Come ultima cosa, potrebbero esserci anche i ceri alla citronella, ma questi li ho portati con me una volta e mi si sono sciolti in auto, perchè non stivati a dovere, provocandomi un vero disastro nella mouquette.

Zanzariera per il finestrino con tendina oscurante
Zanzara Tigre. Ormai ha quasi soppiantao la zanzara comune

Ragni

I ragni per combattere questi veri ingegnieri della tessitura, pressochè il metodo è lo stesso. Gli odori /profumi gli possono dare fastidio mentre se parliamo delle zanzariere sono un’ostacolo che non possono attraversare.

Le Zecche

Le Zecche. Per questo tipo d’insetto, le cose cambiano. Una prevenzione da questo tipo d’insetto , sembra banale ma non lo è: non sostare mai dove ci sono traccie di passaggi e sosta di bestiame. Non sostare dove c’è erba alta e come ultima cosa che mi sento di dire non sostare mai quando nelle vicinanze avete del bestiame e c’è del vento. Per quanto riguarda l’abbigliamento, questo è molto importante: scarpe, naturalmente da traking e calze lunghe possibilmente di colore chiaro, meglio bianche, per individuare subito l’insetto, se si usano i calzoncini. Mentre se hai pantaloni lunghi devono essere molto stretti alle caviglia con delle cordicelle o elastici. Una cosa che adotto è un tipo di repellente che si vende in farmacia ed è adatto proprio per questo tipo di animaletto. Viene diluito nell’acqua, perchè in polvere. Una volta che sono vestito , vaporizzo sulle scarpe e sui pantaloni sino al ginocchio, . E’ il bello e il brutto della campagna e della natura. Questi insetti esistono e bisogna far fronte con queste prevenzioni. Se però , per disgrazia una zecca vi si attacca alla pelle, l’unica cosa da fare è rivolgervi il più presto possibile al primo pronto soccorso che trovate. NON TOCCATELA ASSOLUTAMENTE E PORTATE PAZIENZA SINO A CHE NON SIETE ARRIVATI AL PRONTO SOCCORSO o ALLA PRIMA GUARDIA MEDICA CHE TROVATE.

Presa dal Web “Google” con la funzione di “Ricerca avanzata e uso libero d’immagini”

Conclusione

Certo, ci sono altri insetti che possono dare dei probblemi o fastidi in campagna tipo le Api , le Vespe, i Calabroni ecc. Ma con un pò di attenzione, con i farmaci giusti per chi è allergico, si possono trascorrere delle giornate stupende all’aperto. Questi sono i metodi, e l’abbigliamento che uso per quando vado a fare delle escursioni in off road per la mia Sardegna.

Vi ringrazio per aver dedicato del tempo al mio blog e spero che ritornerete a leggere nuovi articoli e curiosità. Se vi è piaciuto potete iscrivervi, ma sopratutto condividete agli amici questo post . Un saluto a tutti! Ci vediamo al prossimo articolo…..

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *